Università Cattolica del Sacro Cuore

Cosa vuol dire tradurre e legalizzare un titolo di studio?

Secondo quanto previsto dalle disposizioni ministeriali in materia di ammissione degli studenti stranieri, la documentazione attestante il conseguimento del titolo di studio redatta in lingua straniera dovrà essere corredata di traduzione ufficiale in lingua italiana, legalizzazione e dichiarazione di valore in loco.

La traduzione dovrà essere eseguita a cura degli interessati che possono rivolgersi, se in Italia, al Tribunale di zona o a traduttori ufficiali. Nel caso di traduzioni fatte all'estero da traduttori locali, le stesse devono comunque essere confermate dalla Rappresentanza italiana competente per territorio.

La legalizzazione del titolo di studio (attestazione ufficiale della legale qualità di chi ha apposto la propria firma sul documento) dovrà essere eseguita dalle competenti autorità del Paese che lo ha rilasciato.

La dichiarazione di valore in loco dovrà essere eseguita a cura delle rappresentanze diplomatiche italiane nel Paese in cui il titolo è stato conseguito. Di essa dovrà risultare che il titolo di studio posseduto è valido per l'iscrizione ‘in loco' ad un corso accademico analogo al dottorato di ricerca.